” Ognuno faccia la sua parte, piccola o grande che sia”. Solo se ognuno farà la sua piccola parte potremo cambiare qualcosa per noi stessi e per gli esseri innocenti che verranno. E’ il dovere di ogni uomo degno di questo nome difendere la sua terra, la famiglia, l’altrui vita e quella di animali e piante, che convivono con lui nel pianeta azzurro.
Pensiero di Giovanni Falcone


RICORDATEVI MOLTO BENE "VOI COLLABORATORI" DI QUESTO "MASSACRO"..!UN GIORNO,VI PENTIRETE DI TUTTO,MA NON SERVIRA' PERCHE' RICEVERETE UGUALMENTE LA "GIUSTA PUNIZIONE" PER IL VOSTRO DIABOLICO OPERATO..!!


lunedì 23 luglio 2012

IL CIELO SU FIRENZE: PUBBLICA ANALISI FILAMENTI


PUBBLICHIAMO LE ANALISI EFFETTUATE DA UN BIOLOGO ITALIANO SU ALCUNI CAMPIONI DI FILAMENTI CADUTI DAL CIELO
CHE LUIGI RASCIONI HA RACCOLTO IN TOSCANA DIVERSI MESI FA.

IL BIOLOGO SI E’ RESO DISPONIBILE AD ANALIZZARE TALI MATERIALI, MA HA CHIESTO DI RIMANERE ANONIMO PER OVVI MOTIVI.

SIMILARI FILAMENTI SONO STATI RITROVATI (ED ANALIZZATI) IN VARIE PARTI DEL NORD ITALIA NEL CORSO DEGLI ANNI.
OGNI VOLTA LE ANALISI EFFETTUATE DA BIOLOGI HANNO MESSO IN EVIDENZA L’ORIGINE ARTIFICIALE DELLA SOSTANZA
CHE PERO’ E’ RISULTATA “STRANAMENTE” BIO-COMPATIBILE.

CHI E PERCHE’ RILASCIA QUESTE FIBRE DI NATURA SCONOSCIUTA?
POTREBBE ESSERCI UN COLLEGAMENTO CON LA SINDROME DI MORGELLONS?

file analisi:http://www.ilcielosufirenze.com/index.php/2012/07/analisi-filamenti-da-noi-condotte/





 RESOCONTO DELL’ANALISI MICROSCOPICA DEL CAMPIONE DI FILAMENTO BIANCO DEL 09/11/11

In data 03/01/12, lo scrivente ha analizzato mediante l’utilizzo di un microscopio a fluorescenza Olympus un campione di filamento bianco consegnatomi in un barattolo di plastica.

Descrizione del campione
Il materiale ha la forma di un filamento bianco. Il colore è bianco intenso e la sua conformazione esteriore lo fa sembrare appiccicoso e arrotolato su sé stesso.
Di seguito, quanto dichiarato da un testimone a cui ho posto alcune domande per meglio comprendere il contesto dell’analisi.
I filamenti sono stati visti cadere dal cielo, in direzione verticale dall’alto verso il basso e in direzione diagonale (sempre dall’alto verso il basso), nella Provincia di Lucca. Durante la giornata sono stati osservati numerosi passaggi di aerei a bassa quota, di cui era possibile vedere la forma, che rilasciano numerose scie chimiche. Il vento era assente.
E’ stata vista una matassa grigia a forma di “C” che scendeva dall’alto verso il basso con traiettoria obliqua. Scendeva da molto in alto, molto lentamente, la caduta è durata a lungo e non si è riuscito a vedere dove si fosse poi posata, ma si è vista cadere fino al suolo, lontano dal sottoscritto. Nella lenta caduta, da questa matassa scendevano lunghi filamenti, di circa 5-6 metri l’uno. Questi cadevano a terra, sulle macchine e su di me. Dopo aver preso un contenitore sterile mi sono recato in aperta campagna dove ho potuto prelevare un campione. Alle ore 13  fuori da un ristorante c’erano filamenti dappertutto caduti sulle auto e sul prato antistante il ristorante. Dopo circa 1 ora sono uscito ed ho notato che i filamenti del prato erano scomparsi (o assorbiti?), mentre sulle antenne delle auto rimanevano impigliati. Ho osservato che questi filamenti a contatto con materiali non organici resistevano integri.”

Materiali e Metodi
Il campione [1] è stato messo su un vetrino e coperto con un vetrino copri oggetto. Per l’analisi microscopica è stato utilizzato un microscopio a fluorescenza Olympus con ingrandimenti (escluso l’oculare a 10x) che vanno dal 4x al 100x (rispettivamente da 400 a 1000 volte la grandezza naturale osservata) sia a luce trasmessa (gialla) che a fluorescenza (nello spettro dell’ultravioletto, del rosso e del verde). È stato osservato anche come riferimento un materiale di controllo ovvero una ragnatela [2]. Come la volta precedente si sono utilizzati anche un filo di cotone [3] e un filo di fibra sintetica (poliestere) [4]. Le foto sono state scattate tutte a tempo fisso eccetto quelle a luce trasmessa che sono state acquisite in modalità automatica per il solo fine di osservarne la morfologia.

Discussione
Aperto il barattolo, ho preso il campione con due pinzette e nell’atto di tagliarne un pezzetto ho notato una estrema capacità di allungamento e di adesione del filamento in esame. Ciò non si è ripetuto con gli altri campioni (2, 3, 4). L’unico comportamento simile era dato dalla ragnatela ma sia il colore che la sua consistenza sono apparsi diversi dal campione in esame. Il filamento è stato montato su un vetrino da microscopia ed è iniziata l’analisi. Ad una prima osservazione visiva (ad occhio nudo), i 4 campioni in esame appaiono molto diversi tra loro e nello specifico si nota una colorazione bianca intensa per il filamento raccolto, una colorazione grigia-trasparente per la ragnatela, una colorazione ed una lavorazione tessile sia per il cotone che per il poliestere. Osservando le foto allegate è possibile notare una marcata differenza anche a livello strutturale e microscopico di questi campioni che possiamo suddividere in 3 gruppi:
1)      Origine naturale: ragnatela
2)      Origine tessile (comprende campioni naturali e artificiali ma lavorati): cotone, poliestere
3)      Origine potenzialmente artificiale: filamento
Analizzando le immagini dei campioni in luce trasmessa è possibile osservare una struttura ben organizzata e definita per i materiali 2, 3, 4, mentre per il campione 1 la morfologia è univoca e particolare. Aumentando gli ingrandimenti, le strutture di cui è composto questo filamento diventano sempre più piccole, come se ogni filo fosse un polimero in cui sono contenuti altri polimeri più piccoli. Arrivando ad un ingrandimento massimo di 100x (1000 volte se contiamo anche l’oculare) si raggiunge il limite dello strumento e non si riesce a mettere bene a fuoco il campione. Ciò non risulta così evidente negli altri tre materiali in quanto composti da strutture ben definite. L’eventuale sfocatura di alcuni dettagli delle foto di questi tre campioni è dovuta alla tridimensionalità degli stessi e non alla loro dimensione. Il filamento bianco pare quindi avere una struttura nanometrica.
Anche la fluorescenza presenta differenze che possiamo ricondurre alla suddivisione sopra citata. Per quanto riguarda nuovamente la morfologia, questa volta si è notata una forte similitudine tra il filamento e la ragnatela. Aumentando però gli ingrandimenti, le differenze tra i due campioni si sono evidenziate maggiormente, segno che si tratta di due filamenti di natura differente.

Valutando alcuni articoli di letteratura scientifica in merito al ballooning (tecnica che usano alcuni aracnidi per lo spostamento) e alle ragnatele, e in base alle osservazioni eseguite tramite la microscopia ottica, è possibile constatare che il campione in esame non è una ragnatela e non è di origine naturale. E’ potenzialmente biocompatibile e presenta strutture a mio parere artificiali accostabili alla nanotecnologia. Sulla base delle analisi fin qui svolte deduco che non si tratta di materiale di origine naturale ed espongo i miei dubbi e perplessità sulle sue origini e conseguenze (impatti sulla salute, sull’ambiente).
Questo campione inoltre è del tutto paragonabile agli altri filamenti bianchi che definisco polimerici che ho analizzato negli anni passati, sia raccolti da me che ricevuti tramite consegna.
Anche la consistenza esterna è completamente diversa tra il filamento bianco ed una ragnatela. Quest’ultima infatti si infrange facilmente e oppone relativamente poca resistenza ad essere spezzata da un oggetto. Il filamento bianco è incredibilmente più resistente, elastico ed appiccicoso. E’ un polimero che non ha nulla di naturale e per questo propongo di utilizzare delle corrette precauzioni e di stare attenti.
Esistono tuttavia dei brevetti che espongono metodi di produzione di seta artificiale mediante l’utilizzo delle biotecnologie da impiegare in svariati campi di applicazione, dall’industria alla medicina per esempio. Ma se questi polimeri vengono prodotti in laboratorio, perché li troviamo sparsi nell’ambiente?
Maggiori dettagli sull’argomento saranno approfonditi prossimamente.

FIGURE
Qui di seguito sono mostrate le immagini prese con il microscopio ottico a diversi ingrandimenti. Le differenze tra il campione 1 (filamento bianco) e gli altri campioni sono assai evidenti.
La legenda è riportata qui sotto:
1 – filamento bianco
2 – ragnatela
3 – fibra sintetica
4 – cotone
La scala si trova in basso a destra ed è la medesima per ogni immagine dello stesso ingrandimento.
Le immagini a fluorescenza possono essere fornite su richiesta.

Ps.per visionare le immagini aprire il file

File analisi:http://www.ilcielosufirenze.com/index.php/2012/07/analisi-filamenti-da-noi-condotte/


Nessun commento:

Posta un commento

La pubblicazione dei commenti è sottoposta a moderazione quindi se non rispondo subito non vi preoccupate.
L'autore del blog non è responsabile dei commenti esterni.

....Qui ogni persona (seria) è libera di commentare ma non saranno mai pubblicati indistintamente i commenti di tutti i DB (riconoscibilissimi al "servizio dei servizi")...che,indisturbati ed impuniti continuano a deridere ed offendere pesantemente,persone intelligenti e molto serie che,da tempo remoto dedicano la loro vita alla vera e giusta INFORMAZIONE !
DICO LORO:DI ANDARE A PASCOLARE ALTROVE,QUI NON SIETE ASSOLUTAMENTE GRADITI ED I VS. COMMENTI NON MI INTERESSANO AFFATTO!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...