” Ognuno faccia la sua parte, piccola o grande che sia”. Solo se ognuno farà la sua piccola parte potremo cambiare qualcosa per noi stessi e per gli esseri innocenti che verranno. E’ il dovere di ogni uomo degno di questo nome difendere la sua terra, la famiglia, l’altrui vita e quella di animali e piante, che convivono con lui nel pianeta azzurro.
Pensiero di Giovanni Falcone


RICORDATEVI MOLTO BENE "VOI COLLABORATORI" DI QUESTO "MASSACRO"..!UN GIORNO,VI PENTIRETE DI TUTTO,MA NON SERVIRA' PERCHE' RICEVERETE UGUALMENTE LA "GIUSTA PUNIZIONE" PER IL VOSTRO DIABOLICO OPERATO..!!


domenica 8 settembre 2013

LE QUOTE DI VOLO DEGLI AEREI CHIMICI - LE PROVE CI SONO!




8 settembre 2013 alle ore 12.01
Come molti avranno notato, partecipando alle disccussioni immancabilmente fagocitate da disinformatori mercenari, costoro puntano sempre su un punto fondamentale e cioé "Quelle che vedete sono normalissime contrails rilasciate dai motori caldi degli aerei di linea ad altissima quota). E' evidente che, nel momento in cui questo caposaldo crollasse, i negazionisti istituzionalizzati non potrebbero più giustificare in alcun modo la presenza di scie nei nostri cieli. D'altronde la stessa N.A.S.A., pesantemente coinvolta nel "progetto copertura" per fini militari, giustifica le chemtrails definendole contrails ed ha pure inventato nuove classificazioni per tutte quelle formazioni artificiali originate dalle operazioni di genoigegneria clandestina. Anche i meteorologi, civili e militari, seguono questa linea, ovviamente, ma tutto questo castello di menzogne crolla miseramente, dal momento in cui è dimostrato ed è dimostrabile in qualsiasi momento che le scie igroscopiche (clous base hygroscopic seeding- http://www.tankerenemy.com/2012/09/contrails-aerodinamiche-no.html)
osservavbili da terra sono disperse "a bella posta" (cit. Generale Fabio Mini) a quote spesso inferiori ai 1.600 metri, laddove assolutamente non sussistono i paramentri fisici necessari per la formazione delle fantomatiche scie di condensazione. [1]


QUALI SONO quindi I PRINCIPALI -INCONFUTABILI- CARDINI SECONDO CUI GLI AEREI IMPEGNATI NELLA GUERRA AMBIENTALE RILASCIANO SCIE (NON DI CONDENSAZIONE) A QUOTE NON SUPERIORI AI 2.000 METRI? ELENCHIAMONE QUALCUNO.

a) Gli aerei sono ben visibili ad occhio nudo nei dettagli, anche di notte. Un aereo che voli a quote anche superiori agli 8.000 metri non può essere visto, a meno che questo non rilasci una scia, che comunque sarebbe piccolissima ed esile. Sul libro "LA FISICA DELLE PARTICELLE", Edizioni scientifiche e tecniche Mondadori, infatti si legge: "Quando un aereo a reazione passa alto nel cielo, si forma sulla sua scia una nube di cristalli di ghiaccio chiaramente visibile, anche se non è possibile scorgere l'apparecchio". [2] [3]

b) I test con laser verde (http://www.tankerenemy.com/2007/07/la-prova-proof-by-straker.html) di gittata non superiore ai 4000 metri dimostrano che il suo fascio di luce concentrata tocca la pancia degli aerei, durante il sorvolo notturno a bassa quota. Se si trattasse di aerei commerciali ad altissima quota (dagli 8 ai 13 km di altitudine), la luce del laser non potrebbe illuminare la fusoliera dei tankers. Anche le misurazioni tramite telemetro (range finder) non sarebbero possibili, se gli aerei in oggetto volassero a quote di crociera (24.000 piedi ed oltre), poiché il suo fascio laser non ha tale portata.

c) Le regole della propagazione del suono implicano che il rombo di aeromobili che sorvolino a quota di crociera (8.000/14.000 metri), non può essere udito. Un semplice calcolo matematico dimostra, invece, che se un velivolo viene udito nell'arco di pochi secondi dal suo sorvolo sulla verticale, questo non supera i 1.800 metri di altitudine (velocità di propagazione del suono nell'aria: 343 m/sec. +/- 5%). I dettagli ai seguenti link:

http://www.tankerenemy.com/2008/06/relazione-tra-propagazione-del-suono-e.html

http://www.tankerenemy.com/2009/09/calcolo-della-quota-in-base-al-suono.html


foto di Rosario Marcianò.




d) Il radar doppler - Il radar Doppler è un particolare tipo di radar che si basa sull'effetto di slittamento in frequenza, detto, appunto, effetto Doppler. L'effetto Doppler è l'apparente variazione di frequenza delle onde emesse da una sorgente in moto rispetto a un osservatore: la frequenza aumenta, se sorgente ed osservatore si avvicinano, mentre diminuisce in caso di allontanamento. Il fenomeno fu scoperto dal fisico e matematico C. Doppler (1803-1853) per le onde sonore, ma si verifica anche per quelle elettromagnetiche. L'effetto Doppler ha molte applicazioni nella tecnica (radar), in medicina (ecografia), in astronomia. Esso permette al radar di distinguere bersagli in movimento anche in presenza di oggetti fissi. L'obiettivo del C.D.D.P., che ha realizzato il video, è quello di fornire la documentazione inoppugnabile circa le attività chimico-biologiche (chemtrails), attraverso immagini digitali e di radar meteorologici i cui i dati sull'atmosfera superiore indicano che le condizioni meteorologiche presenti alla quota degli aerei chimici NON sono idonee per la formazione di scie persistenti in base ai parametri fisici. Dunque le nuvole filiformi di bassa quota, create dai velivoli clandestini, non sono cirri, a differenza di quanto affermano i meteorologi di regime, ma scie tossiche. I cirri veri, infatti, che si trovano a quote molto più alte, non possono essere rilevati dai radar meteorologici Doppler. Qui il filmato:

http://www.tanker-enemy.tv/doppler-radar-and-chemtrails.htm


e) La stima trigonometrica della quota di un tanker chimico costituisce un altro metodo idoneo a dimostrare le quote di sorvolo dei velivoli rilascianti scie chimiche (persistenti e non). I dettagli al seguente link: 

http://www.tankerenemy.com/2008/03/stima-trigonometrica-della-quota-di-un.html

f) Il metodo del focale è più complicato, ma ugualmente efficace. I dettagli qui: http://www.tankerenemy.com/2006/11/desumere-la-quota-di-volo-di.html

g) Anche l'applicativo Google Earth dimostra, involontariamente, che le attività di aerosol sono in gran parte operate a bassa quota e quindi in condizioni non idonee alla formazione di qualsivoglia tipo di scia di condensazione. I dettagli sono in questo articolo: 
http://www.tankerenemy.com/2008/06/contrails-no-gli-aerei-chimici-volano.html

h) Indico per ultima, sebbene sia la prova regina, poiché essa può essere verificata da chiunque, senza particolari conoscenze tecniche e solo mediante l'osservazione diretta. Mi riferisco alla "prova del cumulo". Se, infatti, un aereo rilascia la sua mortale scia di metalli pesanti, nanopolimeri, biossido di zolfo etc. all'interno oppure al di sotto di un cumulo (notoriamente si tratta di una nube bassa, che non supera i 1.600 metri di altezza), significa, inequivocabilmente, che quell'aero sta volando a bassa quota, fuori dai corridoi ufficiali ed al di sotto delle altitudini ammesse dalle normative sulla sicurezza del volo. [4]


[1] Scott Stevens (meteorologo): "Sono aerei militari che volano a bassa quota, a trasponder spento e che sono camuffati da aerei civili".

Dane Wigington: "I motori a reazione non producono scie di condensazione, se non in condizioni rarissime e comunque gli aerei che eventualmente generano una breve ed effimera contrail sono troppo alti per essere visti da terra. In realtà, la maggior parte delle persone non potrà mai vedere una vera scia di condensa in tutta la sua vita. Molti osservatori del cielo e piloti di linea hanno deciso di esprimere il loro sdegno per la clamorosa disinformazione con cui è occultata la geoingegneria clandestina".

ROSARIO MARCIANO' PER TANKER ENEMY

[2] "L’immissione in atmosfera dei gas di scarico degli aerei, ricchi di nuclei di condensazione e di vapore acqueo, determina la sovrassaturazione del vapore acqueo e, quindi, la formazione di scie. Le scie di condensazione di formano ad altezze in cui la temperatura dell’aria è molto bassa (inferiore a -40 °C), con umidità relativa almeno del 60%. Le scie possono essere più o meno durare nel tempo, a seconda della stabilità dell’aria e della quantità di vapore presente." 
[Girolamo Sansosti & Alfio Giuffrida - Manuale di meteorologia, Una guida alla comprensione dei fenomeni atmosferici e climatici in collaborazione con l'UAI (Unione Astrofili Italiani) - Gremese Editore – 2006 – pag 86] 

[3] Le scie di condensazione ad alta quota sono un fenomeno rarissimo. Ciò perché alle altitudini dei voli di crociera l'atmosfera è molto secca, per cui nemmeno l'acqua proveniente dai motori dei jet è sufficiente affinché si formino scie di condensazione, anche non persistenti. Oltre a ciò è bene chiarire che la persistenza e l'espansione delle scie di condensazione è un mito da sfatare, in quanto bisognerebbe ipotizzare valori di UR (umidità relativa) in quota superiori al 150% ed in progressivo aumento. Ciò è praticamente impossibile. In realtà quelle scie che sfregiano i nostri scieli sono il risultato della dispersione di trimetilalluminio (TMA), in percentuali vicine al 14%. I dettagli qui:

http://www.tankerenemy.com/2012/12/un-documento-governativo-del-1958.html


[4] 3.1.2 Altezze minime: "Ad eccezione dei casi in cui è necessario per il decollo o l'atterraggio, o nei casi di permesso accordato dall’ENAC, gli aeromobili non devono volare al di sopra di aree abitate di città e paesi, su insediamenti o assembramenti di persone all'aperto, a meno di volare ad un’altezza tale da consentire, in caso di emergenza, un atterraggio senza porre in pericolo persone o beni al suolo".

Fonte:http://www.tankerenemy.com

1 commento:

  1. ..."Ascolta Piccolo Uomo: il tuo retaggio è un diamante che brucia nella tua mano.
    Vedi te stesso come sei veramente. Ascolta quello che nessuno dei tuoi capi e rappresentanti oserà mai dirti: Sei un 'piccolo uomo qualsiasi'. Comprendi il dup...lice senso di queste parole: 'piccolo' e 'qualsiasi'. Sei afflitto dalla peste emozionale. Sei malato, molto malato, Piccolo Uomo. Non è colpa tua. Ma è tua responsabilità aver ragione di questa malattia."
    (Wilhelm Reich, Listen, Little Man, 1948)

    RispondiElimina

La pubblicazione dei commenti è sottoposta a moderazione quindi se non rispondo subito non vi preoccupate.
L'autore del blog non è responsabile dei commenti esterni.

....Qui ogni persona (seria) è libera di commentare ma non saranno mai pubblicati indistintamente i commenti di tutti i DB (riconoscibilissimi al "servizio dei servizi")...che,indisturbati ed impuniti continuano a deridere ed offendere pesantemente,persone intelligenti e molto serie che,da tempo remoto dedicano la loro vita alla vera e giusta INFORMAZIONE !
DICO LORO:DI ANDARE A PASCOLARE ALTROVE,QUI NON SIETE ASSOLUTAMENTE GRADITI ED I VS. COMMENTI NON MI INTERESSANO AFFATTO!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...