” Ognuno faccia la sua parte, piccola o grande che sia”. Solo se ognuno farà la sua piccola parte potremo cambiare qualcosa per noi stessi e per gli esseri innocenti che verranno. E’ il dovere di ogni uomo degno di questo nome difendere la sua terra, la famiglia, l’altrui vita e quella di animali e piante, che convivono con lui nel pianeta azzurro.
Pensiero di Giovanni Falcone


RICORDATEVI MOLTO BENE "VOI COLLABORATORI" DI QUESTO "MASSACRO"..!UN GIORNO,VI PENTIRETE DI TUTTO,MA NON SERVIRA' PERCHE' RICEVERETE UGUALMENTE LA "GIUSTA PUNIZIONE" PER IL VOSTRO DIABOLICO OPERATO..!!


mercoledì 5 giugno 2013

TERREMOTI E RISCHIO VULCANICO

TERREMOTI E RISCHIO VULCANICO IN MANO ALLA PROTEZIONE CIVILE. ATTENZIONE ALLE AUTORITA'

Le autorità italiane? Una garanzia assoluta e finale, nel senso di termine corsa. Cose mai viste a memoria umana nel cortile di guerra dello zio Sam, perfino un finto scoop di un ex grande giornale.
Che tempo fa? Tanto variabile, imprevedibile e violento da aver già mandato in malora i raccolti nell’Italia centro-settentrionale. Al Sud va anche peggio, con i campi di grano gravemente danneggiati dagli eventi atmosferici e la produzione di pomodoro ed uva a rischio. Le statistiche sono nude e crude: migliaia di aziende agricole e zootecniche hanno chiuso i battenti in questa prima metà dell’anno. Alcuni giovanotti che hanno superato i 90 anni non rammentano un clima del genere in Italia. L’aria, l’acqua, il cibo e gli organismi viventi sono sempre più intrisi di alluminio, bario e silice. Ora, qualche sparuto gruppuscolo di negazionisti anonimi si azzardi ad aggirarsi nelle campagne: si attendono nel Mezzogiorno per metterli sulla buona scia indolore.
Di certo, non vi è nulla di naturale in questi eventi metereologici a comando.
Altra splendida notizia. Il “Piano di Protezione Civile per l’area densamente abitata del Vesuvio risulta aggiornato di fresco: l’ultimo dato disponibile è quello risalente all’anno 2006.
Tranquilli: siamo in buone mani. Infatti, la Protezione Civile ha lanciato da tempo la “campagna nazionale sulla riduzione del rischio sismico, mentre lo Stato ha autorizzato, al contempo di trivellare il più pericoloso e più grande vulcano d’Europa – il Marsili – sommerso proprio nel Mar Tirreno, ad un soffio dalla costa italiana. Per la cronaca: l’Istituto nazionale di Geofisica e Vulcanologia, ha prefigurato un concreto rischio di maremoto sui litorali del Belpaese. 
Non contenti, i bontemponi al comando pro tempore, hanno pure concesso di trivellare gli esplosivi Campi Flegrei.
Qui viene il bello. La Protezione Civile sembra aver dato i numeri (al lotto). Ed il settimanale L’Espresso del clan De Benedetti (il patron Carlo è un affiliato al Bilderberg Group), a firma di Gatti, la spara grossa. Un espediente per vendere copie? Infatti è scritto: «Allarmismo? No, i dati ufficiali di un rapporto-choc della Protezione Civile. Che punta il dito sulla scarsa prevenzione sismica e sui meccanismi degli eventuali soccorsi… E a marzo 2013 l’allarme degli scienziati per un forte terremoto era ancora in corso. Il dato corrente, aggiornato a inizio maggio, è tenuto segreto. Viene comunicato soltanto alle agenzie governative. Il gran numero di piccole scosse registrato in questi giorni proprio in Calabria e nell’Italia centrale dimostra comunque che la nuova energia che da qualche tempo attraversa la crosta terrestre tra l’Africa e l’Europa non si è dissipata». 
A casa Gabrielli non c’è alcunché di simile a livello di dominio pubblico, ma solo un database con dati aggiornati al 2001. Ovviamente, il pericolo c’è, ed era stato annunciato da esperti del ramo l’anno scorso. 
Attenzione però: lo Stato italiano si prepara al peggio? E’ in atto un appalto targato Protezione Civile per 12 mila “soluzioni abitative in emergenza”- avevo scoperto e  puntualizzato a maggio – ovvero prefabbricati per terremotati. L’operazione è affidata ufficialmente alla Consip, una società per azioni, costituita nel 1997, che dipende dal Ministero dell’Economia e Finanze. Particolare significativo: questa Spa ha in mano il controllo del bilancio statale, nonché la sicurezza informatica della Pubblica Amministrazione.
A conti fatti le perdite in termini di vite umane provocate dai terremoti sono direttamente correlate al numero di edifici crollati. Sulla base di statistiche su scala mondiale relative a terremoti del passato, la percentuale di vittime negli edifici collassati può essere valutata come una funzione del numero di piani e del materiale di costruzione. Di conseguenza, effettuata la previsione della percentuale di edifici crollati per un dato scenario sismico, questa può essere combinata con la stima della popolazione che vive e lavora all’interno di questi edifici. Insieme alla percentuale delle vittime previste, è possibile quindi valutare anche l’impatto sociale di un terremoto.
Piuttosto, c’è qualcuno in divisa che stuzzica le faglie sismiche attive, tanto per vedere l’effetto che fa!
   













Bibliografia:
Amoruso A., Crescentini L., Scarpa R.: Source parameters of the 1908 Messina Straits, Italy, earthquake From geodetic and seismicdata.  J.Geophys. Res., 107,B4,2080, 10.1029/2001JB000434,2002.
Barberi G., Cosentino M.T., Gervasi A., Guerra I., Neri G., Orecchio B.: Crustal seismic tomography in the Calabrian Arc region, south Italy. Physics of the Earth and Planetary Interiors, Vol. 147, 2004, p. 297-314.
Borzi B., Pinho R., Crowley H.: Simplified pushoverbased vulnerability analysis for large scale assessment of RC buildings. Engineering Structures, Vol. 30, n. 3, 2008, p. 804-820.
Coburn A., Spence R.: Earthquake Protection. John Wiley & Sons Ltd., 2002, England.
Di Pasquale G., Fralleone A., Pizza A.G., Serra C.: Synthesis of the code evolution from the Royal Decree issued after the Messina and Reggio earthquake up to the first Ministry decree issued after the law n. 64/74, 1999. In: La classificazione e la normativa sismica italiana dal 1909 al 1984, De Marco, R. and Martini, M. G. [eds.] Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato, Roma.
Di Pasquale G., Goretti A.: Vulnerabilità funzionale ed economica degli edifici residenziali colpiti dai recenti eventi sismici italiani. X Congresso Nazionale “l’Ingegneria Sismica in Italia,” Potenza-Matera, 9-13 settembre 2001.
Mai P.M., Olsen K.B.: Broadband ground-motion simulations using finite-difference synthetics with local scattering operators. Submitted to Bull. Seis. Soc. Am, July 2008.
Pino N.A., Giardini D., Boschi E.: The December 28, 1908, Messina Straits, southern Italy, earthquake: Waveform modeling of regional seismograms. Journal of Geophysical Research,Vol. 105, n. B11, 2000, p. 25,473-25,492.
Spence R.: Earthquake disaster scenario predictions and loss modeling for urban areas. LESSLOSS Report 2007/07, IUSSPress,Pavia, Italy, Ed.2007.
Spudich P., Xu L.: Documentation of software package Compsyn sxv3.11: programs for earthquake ground motion calculation using complete 1-d green’s functions. In: International Handbook of Earthquake and Engineering Seismology CD, Int. Ass.Of Seismology and Physics of Earth’s Interior, Academic Press, 2003.

Nessun commento:

Posta un commento

La pubblicazione dei commenti è sottoposta a moderazione quindi se non rispondo subito non vi preoccupate.
L'autore del blog non è responsabile dei commenti esterni.

....Qui ogni persona (seria) è libera di commentare ma non saranno mai pubblicati indistintamente i commenti di tutti i DB (riconoscibilissimi al "servizio dei servizi")...che,indisturbati ed impuniti continuano a deridere ed offendere pesantemente,persone intelligenti e molto serie che,da tempo remoto dedicano la loro vita alla vera e giusta INFORMAZIONE !
DICO LORO:DI ANDARE A PASCOLARE ALTROVE,QUI NON SIETE ASSOLUTAMENTE GRADITI ED I VS. COMMENTI NON MI INTERESSANO AFFATTO!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...